Contattaci
Richiedi informazioni
Compila il modulo, ti risponderemo prontamente
 
Allega file
Nessun file selezionato
I campi contrassegnati da * sono obbligatori
Pulizia e manutenzione delle piscine fuori terra: Immagine

Pulizia e manutenzione delle piscine fuori terra

24/6/2020

I più letti

07/05/2020

I diversi tipi di mascherine

A due mesi dall’inizio della pandemia dovuta al covid-19 che ha investito tutto il mondo, le mascherine sono diventate l’oggetto simbolo...

I 9 consigli per prenderti cura al meglio della tua piscina, Capararo

Per assicurarti la migliore esperienza possibile e godersi un momento speciale di relax nei mesi più caldi dell’anno, abbiamo raccolto una lista di consigli utili che ti aiuteranno a goderti al meglio la tua piscina.

Lo scopo della nostra guida è quello di farvi conoscere le linee guida principali per la manutenzione:

 

  • Pulizia della superficie 

  • Pulizia del fondo della piscina

  • Pulizia delle pareti

  • Controllo del pH

  • Trattamento al cloro dell’acqua (tricloro)

  • Trattamento antialghe

  • Tipologie di filtro e manutenzione

  • Disinfestazione “shock” con dicloro 

  • Altri consigli di prevenzione

 

Ora che sapete quali sono i punti, vi spieghiamo brevemente come procedere per ognuno di essi. 

Pulizia e manutenzione delle piscine fuori terra

 

Pulizia della superficie:

Durante la giornata sulla superficie dell’acqua è normale vedere sporcizia, foglie e insetti. Il modo migliore per risolvere questo problema è semplicemente avere un retino a maglia fine e un’asta abbastanza lunga da permettervi di raggiungere tutti i punti della piscina (solitamente queste aste sono telescopiche). Un’ottima alternativa per i detriti di piccole dimensioni è lo skimmer di superficie, cioè un piccolo filtro che sta all’altezza del livello dell’acqua e intrappola le impurità. 

Per la notte è sempre consigliato coprire la piscina con un telo protettivo della giusta dimensione.  

 

 

Pulizia del fondo della piscina:

Per la pulizia della pavimentazione della piscina si possono usare 2 diversi strumenti, la spazzola manuale oppure l’aspiratore che si attacca direttamente alla pompa. 

Per quanto questo tipo di manutenzione non deve essere tempestivo come quello per la superficie, è importante assicurarsi di farlo periodicamente e soprattutto dopo giornate di uso intenso. 

Un ottimo consiglio è quello di fare un’analisi visiva del fondo, questo è un tipo di manutenzione che è meglio fare una volta in più piuttosto che una in meno del necessario. 

 

Pulizia delle pareti:

La pulizia completa delle pareti si fa solo quando si va a svuotare la piscina.

E’ comunque buona consuetudine pulire ordinariamente con una spugna la parte del filo dell’acqua per evitare che i detriti vadano a compromettere la struttura e il colore della piscina.

 

Controllo del pH:

Il pH serve a misurare l’acidità e la basicità dell’acqua della piscina, il livello consigliato per una piscina è tra 7.2 e 7.6 su una scala che va da 0 a 14. Mantenere questo livello vi permetterà di avere il risultato migliore con i trattamenti che andremo a vedere dopo. 

La prima cosa che vi servirà è un kit per la misurazione così da sapere in qualsiasi momento il livello di acidità dell’acqua. Una volta individuato il pH potete correggerlo, se necessario, con dei prodotti specifici chiamati pH+ e pH- . E’ importante seguire le istruzioni di questi prodotti in quanto le proporzioni variano in base alla dimensione della piscina e alla temperatura dell’acqua.

 

Trattamento al cloro dell’acqua:

Il cloro è sicuramente la soluzione più efficace ed economica per ottenere un livello ideale di igienizzazione dell’acqua. 

Il cloro va disperso nell’acqua utilizzando le proporzioni riportate sul prodotto, è importante mantenerle per evitare fastidiose irritazioni e danni alla struttura. Non preoccupatevi però, la gestione del cloro è molto semplice, può avvenire tramite la pompa o con l’ausilio di un galleggiante che rilascerà il cloro gradualmente durante tutta la giornata. Uno dei prodotti più usati è il tricloro per via del suo rilascio lento e costante.

Il livello del cloro può essere misurato, l’unità di misura è in parti per milione (PPM) e il livello consigliato è tra 0.8 e 1.7 PPM.

 

Trattamento antialghe:

Pur avendo livelli perfetti di cloro e pH nella vostra piscina molto probabilmente vedrete formarsi delle piccole alghe e dei sedimenti vegetali. Generalmente succede sulla scaletta per entrare in piscina e in corrispondenza degli skimmer. Questi possono causare anche l’intorpidimento dell’acqua ed uno spiacevole “effetto palude”. 

Un modo semplice per ovviare a questo problema è fare un trattamento antialghe periodico con prodotti specifici. E’ consigliato fare una terapia d’urto in un paio di volte a stagione dopodichè continuare a fare trattamenti ordinari con piccoli dosaggi. 

 

Pulizia e manutenzione delle piscine fuori terra

 

Tipologie di filtro e manutenzioni:

I filtri delle piscine fuori terra sono fondamentali per garantire un’acqua sempre pulita, un livello ottimale di ossigenazione e una equa distribuzione di cloro e altri prodotti. I filtri possono essere a cartuccia e a sabbia. 

Il filtro a cartuccia è consigliato per le piscine fuori terra di piccole-medie dimensioni, il vantaggio principale è che le manutenzioni sono più semplici da eseguire (basta cambiare la cartuccia) e decisamente più economiche. 

Il filtro a sabbia può essere usato per tutte le piscine, anche se principalmente viene usato per piscine medio-grandi. La capacità di filtraggio è più alta rispetto ad un filtro classico, sia il filtro che le manutenzioni sono però meno economiche rispetto a quelli a cartuccia.

 

Disinfestazione “shock” con dicloro:

Durante la stagione calda, con meno frequenza rispetto agli altri tipi di manutenzione, è una buona idea fare un trattamento ad alta concentrazione di dicloro granulare.  

Questo trattamento permetterà a tutti gli altri prodotti di lavorare al massimo delle potenzialità in quanto andrà ad eliminare tutte le impurità dell’acqua. 

Attenti però! Durante questo trattamento la piscina non sarà utilizzabile in quanto i livelli di cloro saranno troppo alti, assicuratevi di fare un test dei valori prima di tornare ad utilizzare la piscina. 

 

Altri consigli di prevenzione:

Dei piccoli consigli per evitare di avere una piscina sporca sono quelli di prendere l’abitudine di lavarsi prima di entrare in piscina. Sembra una frase scontata ma sono questi piccoli gesti che vi aiuteranno a ridurre il tempo investito nella manutenzione. 

Due ottimi strumenti sono la doccia solare che può essere installata praticamente ovunque in giardino e la vaschetta per i piedi sotto la scaletta.

Pulizia e manutenzione delle piscine fuori terra

 

Ora che conoscete tutti i consigli utili per prendervi cura delle piscine fuori terra, non vi resta che scoprire i prodotti e le marche migliori per questi trattamenti. Un ottimo modo è venire in uno dei nostri punti vendita e parlare con un esperto che vi saprà dare tutti i consigli utili.   

0 Commenti

Lascia un commento

I campi contrassegnati da * sono obbligatori